Praga in libertà...

Introduzione

La capitale della Repubblica Ceca conta più di un milione di abitanti e si estende per circa 500 km2 ma, nonostante le dimensioni, si può visitare agevolmente e la maggior parte dei punti d’interesse sono raggiungibili anche a piedi.

Programma di viaggio

Giorno 1

Raggiungere l’albergo, una volta atterrati, è semplice: metropolitana o taxi. Se si sceglie di usare il taxi è importante ricordare di usare taxi delle compagnie ufficiali (come XXX).

Il primo giorno è possibile visitare il Màla Strana (città piccola), un quartiere  ai piedi del Castello di Praga e diviso dal quartiere vecchio (Staré Mesto) dal vecchio e bellissimo Ponte Carlo; Malá Strana fu pressoché distrutto dalle guerre Hussite e dall’incendio del 1541. In seguito furono architetti ed artisti italiani a ricostruirlo dando al quartiere quello stile barocco e rinascimentale che lo caratterizza. Al centro di Malá Strana si trova l’omonima piazza, Malostranské Náměstí. La Chiesa di San Nicola si trova proprio in questa piazza. E’ una piazza molto viva durante il giorno, infatti, un lato è completamente occupato da ristoranti sotto un lungo porticato, al centro c’è una importante fermata del tram e nel giro di pochi metri troviamo negozi caratteristici, fast food e pubs.

Il Castello di Praga, raggiungibile a piedi, è noto per essere, come riportato nel Guinness dei primati, il castello medievale più grande del mondo, con i suoi 570 metri di lunghezza e circa 130 di larghezza media. Fondato nel 9° secolo, fu scelto come residenza dai re di Boemia, dagli imperatori del Sacro Romano Impero, dai presidenti della Cecoslovacchia e della Repubblica Ceca. All’interno del complesso del castello di Praga si trovano, oltre ad altri interessanti edifici e musei, la Cattedrale di San Vito, il Palazzo Reale e la Basilica di San Giorgio.

Giorno 2

Iniziamo con una visita al famosissimo Ponte Carlo, il cui nome in ceco è Karlův Most. Questo magnifico ponte fu eretto dall’imperatore Carlo IV nella seconda metà del 14° secolo e andò a sostituirne un altro che sorgeva proprio in quel punto. Il ponte misura ben 515 metri di lunghezza e circa 10 di larghezza. E’ molto frequentato in tutte le stagioni dai turisti tanto che difficilmente riuscirete a trovarlo vuoto anche a notte fonda o all’alba. Altrettanto frequente è la presenza di artisti di strada, venditori di souvenir e musicisti. Sui lati del ponte, per tutta la sua lunghezza, in corrispondenza dei pilastri, si trovano 30 statue barocche di santi, 15 per lato, tutte di grandi dimensioni, che furono aggiunte per volere dei Gesuiti.

Partiamo proprio del ponte per iniziare la visita di  Staré Město, il quartiere della città vecchia, la parte del centro di Praga che si trova oltre la Moldava. Iniziamo subito con la visita alla piazza della città vecchia (Staroměstské náměstí) in cui troverete molte cose da vedere, tra le quali l’orologio astronomico di Praga, Týnský Chrám e Palazzo Kinský. Da una delle estremità di questa piazza parte Pařížská Street, la via dello shopping di Praga, un viale alberato in cui troverete tutte le note boutiques dei più noti marchi della moda internazionale; questo viale vi conduce nel cuore del quartiere ebraico di Praga (Josefov).

L’orologio astronomico è sicuramente il simbolo di Praga e fu costruito durante il XV secolo. Vi consigliamo attendere nella piazza lo scoccare dell’ora, magari bevendo un bicchiere di vino speziato caldo, quando i dodici apostoli lignei (risalenti al XIX secolo) cominciano la loro “danza”. Secondo un aneddoto antichissimo l’orologiaio che realizzò il nucleo principale del meccanismo fu accecato per impedirgli di realizzarne altri.

Giorno 3

Durante il terzo giorno è opportuno dedicarsi alla visita della parte più moderna della città (Nové Město): Piazza Venceslao: la notorietà di questa piazza è dovuta ad un fatto simbolico che accadde nel 1969: Jan Palach, uno studente universitario di filosofia, si dette fuoco in segno di protesta contro l’oppressione socioculturale dell’Unione Sovietica, dando di fatto inizio al movimento della Primavera di Praga.

La casa danzante, costruita nel 1996, ricorda due ballerini e fu originariamente chiamata Fred and Gigner. Gli stili che vi possiamo trovare sono il Neobarocco, il Neogotico e l’Art Nouveau, tutti stili per i quali Praga è ben conosciuta.

La vita notturna di Praga è molto vivace e nei pub e nei ristoranti troveremo, quasi sempre, gente cordiale e sorridente. È bene ricordare che non vige il divieto di fumo nei locali pubblici e che la bevanda nazionale, la birra, scorre a fiumi sui tavoli. I quartieri centrali sono sicuri e ben illuminati oltre che ben serviti dai servizi pubblici.

Vedi Allegato

Torna indietro

Ciao sono Lorena e sono la tua consulente di viaggio.

Vienimi a trovare in Via Riccardo Wagner 11/11a.

Telefona al +39 091 6315628,

oppure contattami adesso su Skype.

TOUR OPERATOR